Berlino incuriosisce, è enigmatica, affascinante.
Prima di partire non sapevo esattamente cosa aspettarmi, non è mai stata per me una di quelle capitali sulle quali ti crei così tante aspettative da non vedere l’ora di verificarne le particolarità con i propri occhi; Mi ha lasciato sempre una sorta di dubbio, un interrogativo che mi spingeva a rimandare.
E anche per questo non mi ero mai soffermata ad informarmi abbastanza a riguardo.

Sarà per i pareri molto contrastanti, opposti, che ho sempre sentito dalle persone che vi erano state e che non mi convincevano totalmente.

 

Qui dirò la mia sincera opinione, ma non prima di raccontare come l’ho vissuta.

 

Innanzitutto Berlino ha fatto da culla al mio passaggio da 2015 al 2016 insieme ad un gruppo di amici dal 30 dicembre al 3 gennaio.
Ora penserete: “Ma questi non sono tre giorni!“, ma ovviamente ho ridotto quel che sono stati i giorni effettivi di visita, perché come si può immaginare 6 amici a Berlino, per  lo più a Capodanno, riempiono il tempo anche tra divertimento, svago e shopping.

Avevamo l’appartamento a Mitte, il quartiere più centrale della città, quindi con la metro e i vari altri mezzi è stato comodissimo spostarsi in questa città abbastanza dispersiva ed enorme.
Ah, armatevi di scarpe comode e vestiti pesanti!

IMG_3267
Dalla finestra di camera

 

Per prima cosa ci siamo diretti verso  Alexander Platz, la grande piazza “cuore” della parte orientale di Berlino in cui si trova anche la Torre della Televisione, simbolo della capitale tedesca, della sua innovazione, della sua modernità e della volontà di costruire la più alta torre televisiva d’Europa.  

 

IMG_3282

 

IMG_3280

 

A proposito, con l’intento di salire sulla piattaforma panoramica di 203 m di altezza abbiamo preso il biglietto con su scritto un numero al quale corrispondeva l’orario d’entrata, e data la lunga fila saremmo dovuti salire con l’ascensore l’ora successiva.
Così abbiamo trascorso il tempo libero a curiosare nei dintorni.

 

Torre della Televisione
Torre della Televisione

 

Passeggiando si percepisce la grandezza di questa capitale, la sua modernità a tratti staccata da alcuni dettagli antichi.
Berlino presenta molti volti diversi, varie identità.
Siamo passati dal Duomo di Berlino, una cattedrale molto imponente, e dall’Altes Museum (Il più antico della città) dove il verde primeggia.

 

IMG_3284
Duomo di Berlino

 

IMG_3302
Duomo di Berlino

 

IMG_3290

 

IMG_3295
Altes Museum

 

berlino picIMG_3309
Un gentile artista che ci ha mostrato il suo disegno

 

Una volta terminata l’ora che dovevamo attendere siamo corsi di nuovo alla Torre della Televisione, ci siamo diretti verso l’ascensore che ci avrebbe portati al punto panoramico e lì, come mi succede spesso immersa in un’altezza, ho subito la bellezza di tutto ciò rimanendone piacevolmente soddisfatta e nonostante i vetri lo permettessero poco, ho fatto alcuni scatti per ricordare.

 

IMG_3326

 

IMG_3330

 

IMG_3331

 

La tappa del giorno seguente è stata la Porta di Brandeburgo, uno dei monumenti più importanti di Berlino e simbolo della città stessa, in ricordo della passata divisione tra Berlino Est e Berlino Ovest durante il periodo della Guerra Fredda.
Quel che è certo di questa città è che scorre la sua storia da ogni parte, gli eventi che l’hanno segnata.

 

Qua nelle foto comunque la stavano già allestendo con dietro il palco e tutti i preparativi per il capodanno, che proprio in questo punto dicevano si sarebbe animato a breve di oltre un milione di persone, spettacoli di luci, musica e fuochi d’artificio, che partono da ogni dove.

 

berliobrandeburgoilluminataIMG_3336
Porta di Brandeburgo

 

oooIMG_3433
Passeggiando

 

1150230_519849868185145_8693518937691708408_n

 

Sempre in questa zona abbiamo raggiunto il Palazzo del Reichstag, altra imponente struttura che fu costruita come sede del parlamento tedesco.
Negli anni in cui era a capo Hitler fu incendiato e successivamente, durante la seconda guerra mondiale, bombardato.
Dunque era stato ridotto in rovina da una serie di eventi, e rimase in condizioni disastrose come una sorta di simbolo della democrazia sconfitta, fino al 1961 quando venne poi deciso di restaurarlo e successivamente riutilizzato verso il 1991 per le sedute parlamentari.

 

berlnnMG_3350

 

Di lì a poco ci siamo trovati di fronte al Memoriale dell’Olocausto per gli ebrei assassinati d’Europa.
Questo monumento che ricorda le vittime del nazismo non colpisce per la sua bellezza, per la sua perfezione, bensì per la particolarità dell’idea.
Tanti blocchi di cemento di diversa altezza man mano che ti avvicini diventano un vero e proprio labirinto, credo a significare il senso di disagio, di smarrimento.

 

 

IMG_3409
Memoriale dell’Olocausto

 

lorino
Lorenzo

 

aliloIMG_3422

 

Altro giorno, altre destinazioni!

 

Siamo giunti alla tappa del viaggio che più aspettavo, che più mi ha lasciato un’impronta: L’East Side Gallery.

E’ infatti meta obbligatoria il chilometro e mezzo di muro rimasto, quel muro simbolo della divisione politica e ideologica che separò la città, le persone, le famiglie per 28 anni durante la Guerra Fredda e per il quale morirono molte persone, intente a cercare di oltrepassarlo e raggiungere Berlino Ovest (Sotto l’influenza degli Stati Uniti) da Berlino Est (Sotto l’influenza dell’Unione Sovietica e in difficoltà economiche).

 

IMG_3452

 

Dopo la caduta del muro artisti da tutto il mondo armati di bombolette spray ne decorarono la parte rimanente come a rappresentare un grande inno alla democrazia.
Il muro è infatti cosparso di murales, slogan, di gridi alla libertà, di prove tangibili di un periodo di grave difficoltà.
E’ una testimonianza, un museo colorato a cielo aperto da assaporare silenziosamente.

 

L’unica pecca sono i segni di vandalismo, i graffiti che ne hanno rovinato alcune rappresentazioni: Per questo attualmente vi sono delle transenne che disturbano un po’ l’atmosfera suggestiva.


IMG_3448

 

IMG_3470

 

IMG_3493

 

IMG_3508

 

IMG_3512


IMG_3514

 

IMG_3533

 

IMG_3538

 

IMG_3543

 

IMG_3555

 

E’ stata sicuramente una piacevole passeggiata all’insegna della riflessione, dei significati che prendevano forma nella testa osservando le varie raffigurazioni.

C’è stato solo un nemico quel giorno, e quello a venire: Il freddo.
Infatti i -7° si facevano sentire in modo pungente e davvero fastidioso tanto da distogliere l’attenzione, a momenti, e quella piacevolezza che si porta con sé chi viaggia.

 

Poi va detto che io sono già una persona molto freddolosa, come testimonia la mia febbre a 40 in piena estate di ritorno da Barcellona, dunque la fine della passeggiata, con l’avanzare del pomeriggio, ha significato la forte volontà di ripararsi al caldo e per fortuna ci siamo potuti sedere presto in un centro commerciale lì vicino.
Le mie mani, sempre con la macchinetta fotografica in mano, e le mie gambe, con un insufficiente strato di calze sotto i jeans, mi stavano letteralmente abbandonando, congelati.

IMG_3544

 

1374876_519852484851550_7687003128429687761_n

 

Ultima tappa, raggiunta con i denti che battevano e il passo veloce che stava a significare una destinazione al calduccio, è stato il Jüdisches Museum, espressione della presenza degli ebrei in Germania.

Audio-guida alle orecchie e curiosità sono stati gli ingredienti di due ore di camminata in mezzo ad informazioni che non conoscevo, e nonostante me lo aspettassi un po’ diverso, questo museo molto interattivo e ben organizzato non mi è affatto dispiaciuto.


IMG_3592

 

C’è stato anche da esprimere un desiderio, scrivere un qualcosa che speravamo si realizzasse da appendere insieme agli altri su un albero raggiungibile con una scaletta a chiocciola.

 

IMG_3601

 

IMG_3604


IMG_3608

 

yuhuuuIMG_3616

 

Finiscono così i tre giorni a Berlino ed eccomi con le considerazioni finali.
Credo che sia una città “avanti“, nel senso che è innovativa, ben organizzata, ordinata, funzionale, efficiente, moderna e intrisa di una storia importante e significativa allo stesso tempo. Insomma è completa: Arte, cultura, cibo ( Anche se non proprio il mio genere), della buonissima birra ( Posso assicurarvelo), shopping, svago; Si adatta ad ogni richiesta.

 

Eppure, cos’è che non mi ha completamente convinta? Cos’è che mi fa dire: “Si, è bella ma..” ?

 

 

Penso che il freddo ci abbia messo un po’ il suo zampino a condizionare quel che è la mia conclusione, data la frequente sensazione di fastidio che mi ha accompagnata in questo soggiorno…
Ma c’è dell’altro.

Credo sia per me una città davvero troppo grande, troppo dispersiva; Non vi ho sentito un centro vero e proprio al quale fare riferimento e non ho trovato qualcosa che mi lasciasse completamente senza fiato.

 

Ci son stati momenti senz’altro suggestivi, come il passare da un luogo conservato nel tempo come il Muro di Berlino; Ma credevo di ricevere un impatto ancora maggiore.
Inoltre non vi ho trovato un qualche posto che mi desse la sensazione calorosa di intimità, quella sensazione che si può trovare un po’ ovunque non necessariamente nei piccoli paesini ma anche nelle grandi città come mi è già successo con Londra, Barcellona e Parigi; Quel sentirsi un po’ a casa in un luogo distante e completamente diverso dal proprio.

 

Non c’è un motivo ben preciso, capita che ti senti accolta, serena.
Comprendi e sei compresa” da un posto, da un determinato luogo; Non riesco a spiegarmi con altre parole.
Che tu sia in mezzo ad una piazza, di fronte a persone con una cultura nuova appena scoperta, davanti ad un monumento, di fronte ad un panorama o seduta in un parco, succede a volte che ti senti capita.
Da chi ancora devo focalizzarlo.
Forse dal fatto che c’è sempre in ogni parte del mondo un posticino confortevole per ognuno di noi.
Rischio di divagare.
Dunque purtroppo non ho percepito lo stupore, il meravigliarmi da morire, in mezzo a questa capitale.

 

 

Cara Berlino, forse non ci siamo capite abbastanza o forse non mi sono concentrata in modo sufficiente su di te, ma sappi che io sono quel genere di persona a cui piace dare sempre una seconda possibilità.

 

28 thoughts on “Vedere Berlino in tre giorni”

  1. Ali, al di là degli apprezzamenti a te già noti sul tuo modo di condurre il lettore per mano nella scoperta di un luogo, questa volta ho apprezzato molto il giusto mix di testo e le tante e belle foto. Poi che dire di Berlino, io ne ho avuto la stessa impressione, stupenda, multietnica, efficiente, ordinata… insomma, teutonica 😉 ma un po’ priva di una sua evidente anima che ti accolga con calore. Ops scusa, ho toccato il tasto dolente ?

    1. Ti ringrazio di cuore. Ho provato a mettere più foto stavolta, credendo che non servisse il mio troppo dilungarmi sulle sensazioni stavolta. Esatto, comunque hai capito in pieno quel che volevo dire 😀 Menomale, e lasciamo stare il freddo. Tra l’altro il giorno che abbiamo preso l’aereo ha iniziato a nevicare!
      Buona giornata 🙂

  2. io ho deciso che andrò a settembre quando la temperatura sarà più mite dei tuoi -7 gradi…mi spiace che tu non la abbia “apprezzata”…un pò come me che non ho amato tantissimo Parigi…ma le seconde opportunità si danno a tutti…magari la prox volta la vivrai meglio o nel modo giusto!

    1. Fai benissimo ad andare a settembre, poi sono curiosa di sapere cosa ne penserai! 🙂 Concordo per quanto riguarda la seconda volta, nella quale anche io sceglierò un periodo migliore decisamente 😀

  3. non sono mai stata a berlino ma chi ci è andato ne parla benissimo, è una delle mie prossime mete, e seguirò i tuoi consigli!

  4. Ciao, io ci vado presto 😀 i primi di aprile per tre giorni e seguirò i tuoi consigli preziosi!

    1. Sicuramente trova tanti pareri contrastanti, spero di poterci tornare anche io e concludere con uno spirito più entusiasta!:D

  5. Splendido resoconto e decisamente utile visto che il prossimo viaggio che voglio fare è, appunto, a Berlino. Molte persone sono rimaste “deluse” da questa città, dalle tue parole mi par proprio di capire che potresti essere una di quelle.. Adesso non vedo l’ora di partire, ho proprio voglia di dire la mia!

    1. Eleonora ti ringrazio molto, sono curiosa di sapere quale sarà il tuo parere! 🙂 Un abbraccio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *