Quanto io apprezzi Firenze ormai penso sia ufficiale; E quanto adori girovagarla scoprendone pian piano angoli nuovi o prospettive un po’ diverse dal solito lo è altrettanto.

Ho imparato a guardarla con gli occhi dell’amore ancor di più da quando qualche anno fa ho iniziato a tenere tra le mani la mia affezionata macchina fotografica che mi ha permesso di ritagliare l’attenzione in parti e apprezzare quei particolari ai quali spesso passavo davanti senza soffermarmici abbastanza.
E adesso è un po’ come una ricerca costante ai dettagli da “acchiappare” con la lente d’ingrandimento dell’obiettivo.

Ne ho parlato più volte, rimane infatti per me uno dei musei a cielo aperto disponili più affascinanti che ci siano in Italia, assieme ad altre città e paesini che mi porto nel cuore e sicuramente ad altri ancora da scoprire a fondo.

 

 

 

 

 

Ancora una volta mi sono quindi  divertita a  spendere un bel po’ di ore camminando in giro per la città; e questa volta in occasione di un casting, #alternativeguide, proposto da Air Dolomiti e The Trip Magazine.

 

In cosa consiste?

 

Realizzando, e quindi proponendo, un piccolo video che rappresenti una delle cinque città (Firenze, Bari, Bologna, Venezia e Verona)  si ha la possibilità di esser selezionati per volare a Monaco di Baviera come video-maker e reporter ottenendo vitto e alloggio per cinque giorni e un compenso di 2000 euro!

Per partecipare occorre caricare il video in questione sul sito www.alternativeguide.it dove potrete leggere maggiori informazioni, ma il procedimento è semplicissimo ed immediato.
Non è  assolutamente necessario essere dei professionisti, quindi vale la pena provarci no? Avrete tempo fino al 6 maggio per inserire la vostra candidatura.

 

Io ho provato a raccontarvi appunto in un video la mia città durante un week-end soleggiato di Aprile.

 

Il tutto è partito da Piazzale Michelangelo, percorso poi per le vie del centro con due stop per me fondamentali; Colazione sulla Terrazza de’ “La Rinascente” per poter assaporare Piazza della Repubblica dall’alto, e le famose schiacciatone ripiene dell ‘”Antico Vinaio” a pranzo.
E la fila infinita che vi si trova avvicinandosi a quest’ultimo praticamente sempre spiegano il “famose”, e viene subito dimenticata al primo morso.

 

Le altre fermate ve le lascio scoprire qua sotto, dico solo che a conclusione sono tornata dove tutto ha avuto inizio, dove si può ammirare il miglior tramonto in assoluto di Firenze, senza alcun dubbio.

Mi sono messa alla prova e spero potrete farlo anche voi!

Mentre rimango in attesa e curiosa dei vostri video, intanto vi invito a cliccare “play” e scoprire Firenze insieme a me!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *